10 Cose su Vasco Rossi che Forse non Sai
Home Page   Feed RSS   Store   TV Web   Lotto   Privacy   Teletec.it
Home   Store   TV   Lotto

10 Cose su Vasco Rossi che Forse non Sai



Scopriamo 10 cose interessanti su Vasco Rossi che probabilmente non sai. Ecco quali sono.


Ads
Come Capire l'Inglese Parlato
Una tecnica efficace per capire e comprendere gli Inglesi mentre parlano.
www.beliceweb.it

10 Curiosità su uno dei cantautori italiani più apprezzati ed amati di sempre. Il Blasco, nato a Zocca, il 7 Febbraio del 1952 ci ha regalato tantissime emozioni e a fatto crescere diverse generazioni con la sua musica e con i suoi testi poetici e significativi contenuti in esse. Benvenuti su BeliceWeb buona continuazione.

Tutto Quello che Devi sapere su Vasco in 10 punti
Vasco Rossi, classe 1952, detto anche Il Blasco, è uno tra gli autori più apprezzati in Italia e una vera icona del rock italiano. Tutto si può dire di Vasco, ma non che non sia un tipo originale ed innovatore. Tanto e vero che negli anni ottanta, a causa dello stile di vita sregolato fatto da alcol, droghe, donne e continui tour frenetici, finì per impersonare lo stereotipo della rockstar italiana.

10 Cose Interessanti su Vasco che Probabilmente non Sai

Ed ecco Vasco Rossi, dai suoi esordi ai giorni nostri in 10 semplici punti, per conoscere più a fondo questo interessante personaggio in modo semplice e veloce. Ecco 10 tra le cose più interessanti di Vasco Rossi.

Numero 10 - Il Soprannome

Vasco è il nome datogli dal padre Giovanni Carlo, di mestiere camionista, in omaggio a un omonimo compagno di prigionia durante la seconda guerra mondiale in Germania. Ma non tutti sanno che oltre ad essere chiamato Il Blasco, fu anche soprannominato 'Il Komandante' dai membri del suo fan club ufficiale.

Numero 9 - L'Infanzia di Vasco

Ebbe un'infanzia tranquilla, era figlio unico e mostrava un carattere assai timido. Trascorse alcuni anni della sua prima giovinezza a Siniscola, un comune italiano di 11.492 abitanti della costa orientale della Sardegna, in provincia di Nuoro. Fu lo stesso Vasco a confermarlo durante un suo concerto a Cagliari del 2010.

Da bambino, la mamma Novella Corsi, casalinga appassionata di musica, lo portava a lezioni di canto dal maestro Bononcini e già a 13 vinse l''Usignolo d'oro', una manifestazione canora modenese organizzata dalla società del Sandrone, con il brano 'Come nelle fiabe'.

Numero 8 - I suoi primi passi

A 14 anni entrò a far parte del suo primo gruppo musicale formato da 5 persone e chiamato 'Killer'. Il seguito il nome venne trasformato in 'Little Boys' e ne faceva parte anche Marco Gherardi, che più volte sarà compagno di avventura di Vasco.

Fu infatti lo stesso Gherardi a convincerlo nel 1975 di fondare a Zocca Punto Radio, una Radio libera sul modello delle centinaia che nascevano in quegli anni in Italia, destinata a servire il pubblico dell'Appennino tosco-emiliano, ma anche Modena e Bologna.

Numero 7 - L'esordio da cantautore e i primi due album

Sotto la spinta dei suoi amici e di Gaetano Curreri, leader degli Stadio, incise nel 1977 il suo primo 45 giri, Jenny / Silvia contenente i brani Jenny (una sorta di bozza di Jenny è pazza) e Silvia, per l'etichetta Borgatti Music, che fino ad allora aveva curato la produzione e distribuzione di dischi legati al ballo liscio. Ma fu l'anno successivo invece che uscì il suo primo album, '...Ma cosa vuoi che sia una canzone...', distribuito solo in Emilia-Romagna. L'album era di stampo cantautorale ed ancora distante dalla linea rock adottata da Vasco negli anni a venire.

Nel 1979 uscì il suo secondo album ovvero 'Non siamo mica gli americani!'. Il disco ottenne più successo rispetto al precedente, anche se in fatto di vendite non raggiunse livelli alti. L'album tuttavia va ricordato perché contiene la canzone Albachiara, che anni dopo diventerà uno dei maggiori successi di Vasco, nonché per anni pezzo conclusivo di gran parte dei suoi concerti.

Il terzo album, Colpa d'Alfredo, uscì nel 1980, ma fu censurato da da alcune radio in quanto la canzone era ritenuta volgare ed offensiva in alcune parti del testo.

Numero 6 - Il successo in tutta Italia

Sempre nel 1980 nasce la collaborazione tra Vasco e la Steve Rogers Band, con la quale verrà organizzato il suo primo tour ufficiale. La popolarità di Vasco Rossi a questo punto iniziò a farsi sentire anche a livello nazionale grazie ad una sua esibizione dal vivo, nella trasmissione 'Domenica In' dove cantò 'Sensazioni forti'.

A conferma del suo successo nel 1981 venne pubblicato 'Siamo solo noi', considerato uno dei migliori lavori di Vasco. La canzone che dà il titolo all'album verrà più volte identificata come un vero e proprio 'inno generazionale', tutt'oggi attuale per i suoi fan.

Numero 5 - Le partecipazioni al Festival di Sanremo

Nel 1982, Vasco partecipò al Festival con la canzone 'Vado al massimo'. Al termine della sua esecuzione, quando stava per abbandonare il palco, Vasco si infilò il microfono nella tasca della giacca, con l'intenzione di darlo al concorrente successivo. A causa del filo troppo corto tuttavia, esso gli si sfilò e cadde a terra, creando un boato in sala e facendo diffondere l'opinione che lo avesse gettato intenzionalmente sul pavimento, per spregio nei confronti della manifestazione.

Sempre nel 1982, ad aprile, uscì l'album omonimo, che restò in classifica per ben sedici settimane.

Numero 4 - Vita spericolata

La celebre canzone scritta da Vasco Rossi per il testo e da Tullio Ferro per la musica, fu presentata per la prima volta nel 1983 al XXXIII Festival di Sanremo dallo stesso Rossi, dove si classificò al penultimo posto. La canzone fu poi pubblicata come 45 giri insieme a 'Mi piaci' ed inserita nell'album Bollicine (1983).

una delle canzoni italiane più conosciute dai giovani ed è stata ripresa da numerosi artisti tra cui Francesco De Gregori che la inserì nel suo album Il bandito e il campione che vendette 500.000 copie e Massimo Ranieri nell'album Canto perché non so nuotare...da 40 anni. Anche Gino Paoli termina la sua Quattro amici con l'inciso di Vita spericolata, cantato per l'occasione dallo stesso Vasco. La canzone fu utilizzata in uno spot della 'Chicco' nel 1995.

Esiste anche una versione inglese della canzone cantata da Tullio Ferro, coautore di questa e di altre canzoni di Vasco Rossi e di Lucio Dalla.

Il brano, nella sua prima stesura, doveva essere dedicato ad una ragazza di nome Licia. Il riferimento al Roxy Bar è un omaggio ai versi di Che notte di Fred Buscaglione. L'ispirazione del testo venne a Vasco Rossi durante un pomeriggio piovoso a Cagliari, nelle ore precedenti a un concerto nell'estate del 1982. Il Roxy Bar accennato nella canzone fu il titolo di un famoso programma di Red Ronnie trasmesso negli anni novanta da Telemontecarlo.

Anche in questa occasione la partecipazione del rocker emiliano fece scalpore: all'attacco dell'ultimo ritornello, Vasco abbandonò improvvisamente il palco, mentre la base musicale continuava a suonare, evidenziando che aveva cantato in playback.

Il sesto album in sei anni è Bollicine, quello che consacrerà definitivamente Vasco Rossi l'icona del rock italiano. Restò in classifica per 35 settimane, e si piazzò come quinto album più venduto dell'anno, inoltre vinse il Festivalbar '83 e il tour per promuovere l'album fu un vero e proprio trionfo.

Numero 3 - La Vita privata

Vasco Rossi ha tre figli di cui due, Davide e Lorenzo, nati nel 1986 da due donne diverse. Davide fa l'attore ed è anche un disc jockey. Lorenzo, invece, è stato riconosciuto solo nel gennaio 2003, dopo essersi sottoposto volontariamente al test del DNA.

Il terzo, Luca, che vive con lui, è nato nel 1991 da Laura Schmidt, sua compagna dal 1987 e sua moglie dal 2012. Quest'ultimo, in base ai registri della SIAE, risulta coautore di diverse canzoni e a lui è stata dedicata la canzone Benvenuto.

Tra le relazioni sentimentali degli anni ottanta, una è stata intrattenuta con Barbara d'Urso, che ha anche sostenuto che due canzoni di Vasco Rossi, 'Brava' e 'Incredibile romantica', sarebbero dedicate a lei, ma la cosa venne smentita dallo stesso Vasco.

Numero 2 - La caduta: le droghe, il carcere e l'etichetta di 'sballato'

All'inizio del 1984, esce la prima raccolta dal vivo: Va bene, va bene così, che resterà in classifica 33 settimane di cui 8 al primo posto. Ma il 20 aprile dello stesso anno, il rocker venne fermato in una discoteca nei pressi di Bologna e arrestato. Dopo una perquisizione in un casolare di Casalecchio, dove abitava insieme ad altri componenti della sua band, Rossi consegnava spontaneamente 26 grammi di cocaina ai carabinieri. Trascorse 22 giorni di prigione (di cui 5 in isolamento) presso il carcere di Rocca Costanza a Pesaro, con l'accusa di detenzione di cocaina e spaccio non a scopo di lucro.

Il 12 maggio del 1984, Vasco ottenne la libertà provvisoria. Il processo lo scagionò dall'accusa di spaccio, ma lo condannò a due anni e otto mesi con la condizionale, per detenzione di sostanze stupefacenti. Di lì a poco, nel 1985, pubblicò l'album 'Cosa succede in città'.

Numero 1 - La Nascita di un Mito tutto Italiano

Orgoglio per l'Italia, Vasco ha pubblicato 30 album dall'inizio della sua carriera (dal 1977), di cui 17 album in studio, 10 album dal vivo e 5 raccolte ufficiali e ha composto complessivamente ben 176 canzoni oltre a numerosi testi e musiche per altri interpreti.

Con oltre 30 milioni di copie vendute è uno dei cantautori italiani di maggior successo e fama e uno tra gli artisti italiani che hanno venduto il maggior numero di dischi.

Il 1998 è un anno storico per la carriera di Vasco Rossi: il disco non porta, infatti, com'era abitudine, una nuova tournée, ma viene deciso di tenere un unico concerto, accettando la proposta di essere headliner della prima edizione dell'Heineken Jammin' Festival a Imola.

Alla serata parteciparono 130.000 persone, segnando un evento nell'intera storia della musica italiana: il successo di Vasco diviene di massa, e il rocker di Zocca viene universalmente riconosciuto come la star della musica italiana contemporanea.

Detiene il record mondiale di spettatori paganti in un singolo concerto, il Modena Park 2017 tenuto dal cantautore il Primo luglio 2017 a Modena, per autocelebrare i suoi 40 anni di attività musicale.

L'evento, ospitato al Parco Enzo Ferrari, ha battuto il primato mondiale del concerto con il più alto numero di spettatori paganti, con 225.173 biglietti emessi, di cui 5.000 gratuiti.

Il Modena Park 2017 è stato il 781 concerto nella carriera di Vasco Rossi


Approfondimenti

Sito Ufficiale di Vasco Rossi
www.vascorossi.net

Biografia completa di Vasco Rossi su Wikipedia
it.wikipedia.org

Condivi questo contenuto


Altri contenuti
Come Impedire di Essere Aggiunti ad un Gruppo su WhatsApp

Come Funziona la Modalità Focus su Android

Come Avviare in Automatico Applicazioni su Android quando Accendi la Macchina

Come Bloccare la Riproduzione Automatica dei Video su Google Play

Come Vedere gli Animali in Realtà Aumentata con Google e lo Smartphone

Come Attivare o Disattivare gli Edifici in 3D su Google Maps

Come Dialogare in Tempo Reale grazie a Google Assistant

Come Scaricare e Giocare a Operazione Sala Giochi - Avventura Testuale

Come Scaricare e Giocare a Sal & Joe!, Chi? - Avventura Testuale

Come Scaricare e Giocare a Lazy Jones e la Sala Giochi - Avventura Testuale

Come Richiedere il Rimborso a Vodafone per la Fatturazione a 28 Giorni

Come Richiedere il Rimborso a TIM per la Fatturazione a 28 Giorni

Come Ricaricare Kena Mobile tramite Lottomatica o Sisal

Come Evitare di Farsi Chiudere un Account Twitter dopo 6 Mesi di Inattività

Come Rimuovere i Tag dalle Foto di Facebook

Come Scambiarsi Appunti Testuali e Note tra Colleghi di Lavoro o Compagni di Scuola

Come Eliminare un Messaggio da Instagram senza Inviarlo

Come Creare Testo, Note e Appunti e Condividerli tra PC, Smartphone e Altri Dispositivi

Come Aggiungere i Video alla Coda di YouTube tramite Computer

Come Convertire Immagini WebP in JPEG o JPG su Windows

Come Visualizzare le Informazioni su un Disco Montato tramite Terminale Linux

Come Sapere con quale Account si è Loggati su Linux tramite il Terminale

2020 Gennaio - Offerte ADSL, Voce e Mobile

Come Funziona Vodafone Infinito Black Edition con Internet e Chiamate Illimitate a 29,99 Euro Tutto Illimitato - Gennaio 2020

Come Funziona Vodafone Infinito Gold Edition con Internet e Chiamate Illimitate a 29,99 Euro Tutto Illimitato - Gennaio 2020

Ads
Come Leggere le Carte Napoletane
Scopri quello che riserva il Tuo futuro leggendo le carte.
www.beliceweb.it




^ Torna Su ^