Home Page - Mappa Articoli - Informazioni - Feed RSS

 





Categorie

Home Page

Affari e Finanza
Ambiente
Animali
Arte e Cultura
Auto e Moto

Avventure Testuali
Benessere

Biografie
Casa e Giardino
Computer

Curiosità
Giochi e Passatempi

Inglese
Internet

Istruzione
Mangiare e Bere

Mistero
Musica

Prodotti Naturali

Salute

Scienza e Tecnologia
Sport

Storia

Telefonia

Trucchi
Viaggi

 


 
Sabato, 13 Febbraio 2010  Stampa |
Translate :EN  -  FR  -  DE  -  SP

      

Buddhismo : Storia, Origini, Filosofia e Tradizioni

 

Alla scoperta del Buddhismo.  Storia, origini, tradizioni, filosofia e la verità alla base del Buddhismo stesso. Chi era il Buddha?   C'è chi dice che si trattasse di un principe, che fondò il Buddhismo sulle 4 verità, ma alcuni ritengono che dietro ci sia un'altra storia. Benvenuto su BeliceWeb.it e buona lettura!

 

Credit Photo  Album di Wonderlane

 

Buddhismo Tibetano - Wikipedia
Storia antica : Secondo il mito, la prima introduzione del Buddhismo in Tibet risalirebbe al 173 (regno di Lha Thothori Nyantsen).
Durante il regno del re Songten Gampo (Sron-btsan sGam-po) (617 - 649), alcuni ministri furono inviati in India allo scopo di apprendere la lingua e la scrittura indiane, sulle quali il moderno sillabario tibetano è modellato; grazie alle due mogli buddhiste del re, fu portata la prima statua buddhista in Tibet. Ma la religione si diffuse e si arricchì solo durante il regno di Trhisong Detsen (nato nel 742, regnante dal 755, morto nel 798), anche attraverso il contributo Shantarakshita di Padmasambhava (in tibetano Guru Rinpoche), famoso mahasiddha "detentore di tutto il Tantra" giunto nel 786 dal regno dell'U??iyana.

Verso il IX secolo la serie dei "Re Religiosi" terminò; fra questi sovrani, Lang Dharma perseguitò la religione dal 798 al 842.

Si ebbe, in seguito, una "seconda introduzione" del buddhismo in Tibet attraverso l'opera di guru e lama indiani e tibetani, di traduttori e di loro ospiti come il re Lha Lama Yeshe Ö (che invitò un maestro indiano, Atisha, XI secolo), i traduttori Rinchen Zangpo e Legpai Sherab. In questo periodo sorsero le tre differenti "scuole" (Sakya, Kagyu e Kadam), oltre alla tradizione antica, Nyingma (risalente direttamente a Padmasambhava). Tsongkapa fu il fondatore della scuola dei Gelug con la riforma di quella Kadam utilizzando principalmente gli insegnamenti di Atisha (fondatore della tradizione Kadam).

A partire dal XII/XIII secolo, il Tibet fu sotto l'influenza dei Mongoli (il quarto Dalai Lama, Yonten Gyatso, era di famiglia mongola), che si appoggiarono alla scuola Sakya: nel 1253 Kubla Khan offrì a Drogön Chögyal Phagpa alcune province del paese.

Il primo Dalai Lama, Gedun Drub regnò nel XIV secolo (1391 - 1474); l'importanza della scuola Gelug e delle istituzioni loro collegate, tuttavia, crebbe considerevolmente solo nel XVI secolo: Sonam Gyatso (1543-1588) si assegnò per primo il titolo di Dalai Lama, (i due precedessori furono riconosciuti come tali solo a posteriori): a dimostrazione dell'influenza mongola sul paese, "Dalai" è parola mongola (letteralmente significa "oceano") e "Lama" è tibetano per "maestro". Secondo la tradizione, Altan Khan si rivolse a Sonam Gyatso come "oceano di saggezza" [1].

Il Potala, residenza storica dei Dalai LamaNgawang Lobsang Gyatso il quinto Dalai Lama, fu un grande accentratore ed organizzatore, e strinse alleanza sia con i Mongoli che con gli imperatori Qing dei Manciu.

Il Dalai Lama Thupten Gyatso (1876-1933) riuscì a tenere il paese intatto nonostante le numerose pressioni esterne [2]. Il governo dei Manciu tentò, dopo la sua fuga, di deporlo ed al suo ritorno dalla Mongolia dovette nuovamente fuggire in India, cercando l'aiuto dei Britannici, che però rimasero neutrali. Nel 1911, in ogni caso, l'influenza dei Manciu sul Tibet svanì, in seguito al crollo della dinastia dell'Impero.

In occidente la percezione del buddhismo tibetano è stata inizialmente influenzata dai resoconti dei primi missionari cattolici e, in seguito, gli studiosi anglicani (Waddell e Davis) lo paragonarono erroneamente al cattolicesimo. Ai loro occhi il "lamaismo", così lo definirono [3], oltre a diverse somiglianze formali era ricco di riti e faceva un largo uso di opere d'arte.

L'invasione cinese
A partire dal 1950, con l'esercito guidato da Chang Kuo-hua [4], i cinesi occuparono parte del Tibet, data la sua importanza strategica soprattutto nel momento in cui le tensioni fra Cina ed India andavano acuendosi e quando sul fronte interno, per limitare il malcontento delle nazionalizzazioni, occorreva distrarre il popolo dai problemi quotidiani con una "guerra di liberazione popolare"[5]. Diversi dettagli sono stati in seguito rivelati da opere di narrativa come "La spia sul tetto del Mondo"[6], nella quale l'autore inglese Sydney Wignall racconta la sua missione di spionaggio del 1955 e rivela che il buddhismo, le istituzioni e le pratiche religiose erano fatte oggetto di attacco da parte della forza occupante [7], e si ebbero stragi e distruzioni di monasteri e opere d'arte.

Il regime cinese ha operato per affievolire il rapporto tradizionalmente esistente tra i monasteri e la popolazione. Ogni monastero ha oggi bisogno di un atto ufficiale di registrazione, a concedere o a rifiutare il quale sono le autorità cinesi.

Diventare monaco e andare a vivere in un monastero, secondo una ricerca del giornale italiano "L'Avvenire", sarebbe quindi una decisione che spetta al governo. Inoltre, è il partito e solo il partito che decide se si è "ufficialmente" monaci. Esiste una sorta di "numero chiuso" dei religiosi. E c'è persino una lista d'attesa. Si entra solo alla morte o in sostituzione di un altro monaco: e il "subentro" è deciso o respinto dal regime. Gli stessi orari di apertura dei monasteri sono decisi dall'autorità burocratica. Infine, sempre secondo lo stesso studio, il regime si avvale dello strumento della "rieducazione patriottica": sedute di indottrinamento forzato a cui sono sottoposti periodicamente i religiosi tibetani.

 

Mahayana Vajrayana - Fonte : http://it.wikipedia.org/wiki/Buddhismo_Vajrayana


Il termine Buddhismo Vajrayana è traducibile in italiano come Buddhismo del veicolo adamantino o Buddhismo del veicolo del diamante.
 


Lignaggi del Buddhismo Tibetano

I lignaggi del Buddhismo Tibetano sono le principali correnti di trasmissione degli insegnamenti del Buddhismo in Tibet e nelle aree in cui si è storicamente diffuso il Buddhismo Tibetano.

I lignaggi si strutturano in monasteri (usualmente ogni monastero afferisce ad un lignaggio, anche se vi sono monasteri che ne accolgono più di uno) dove gli insegnamenti sono ripartiti e trasmessi secondo linee diverse. Non sono però insegnamenti esclusivi: i riti di una scuola possono essere assunti anche da altre, così come particolari culti di divinità tutelari o di particolari Yidam o determinati cicli tantrici.

Il lignaggio non è una particolare forma di dottrine cui aderire, ma una serie di esperienze fisiche e mentali guidate in modo codificato da un maestro il quale abbia ricevuto da un altro maestro [9] la possibilità di impartire quelle iniziazioni (Wangkur), trasmissioni orali (Lung / Ka-Lung) insegnamenti generali e istruzioni specifiche di meditazione da cui trarre autonomamente delle conclusioni e con cui conseguire i propri fini. Un esempio è la meditazione Dzogchen, sviluppata in ambito Nyingmapa, e poi diffusasi principalmente nel lignaggio Kagyupa specialmente in seguito all'attività del 3° Karmapa Rangjung Dorje[citazione necessaria] e poi in molti lignaggi esistenti in Tibet e nella regione himalayana, forse un po' meno nel lignaggio Ghelugpa.

Sempre nel lignaggio Nyingmapa esiste tuttora, a partire da guru Rinpoche (guru Padmasambhava dell'Uddiyana) il lignaggio dei Terma, testi di insegnamenti o oggetti sacri di particolarissimo valore, scritti o comunque prodotti a beneficio delle generazioni successive immerse nelle difficoltà e sofferenze del Kaliyuga comunemente tradotto come "era delle cinque degenerazioni" insegnando tecniche, rituali, meditazioni e procedimenti di ogni tipo per beneficiare gli esseri senzienti nel Kaliyuga, sottoposti a grandi sofferenze e difficoltà di ogni tipo
 

Nyingmapa
Il Nyingmapa (rÑin-ma-pa: "lignaggio degli antichi") fu originato dagli insegnamenti di Padmasambhava, Shantarakshita e Vimalamitra (principalmente) nel VIII secolo. Costituisce la "prima diffusione" del Buddhismo, o meglio Buddhadharma. In Tibet era principalmente incentrato sulla pratica del Vajrayana, a partire dai tantra inferiori fino a quello che nel sistema Nyingmapa viene chiamato Mahayoga; è all'incirca equivalente agli Anuttarayogatantra dei lignaggi della seconda traduzione [10]. I due altri tantra esclusivi di tale lignaggio sono l'Anuyoga e il Maha Ati Yoga, quest'ultimo conosciuto in occidente con il termine tibetano "Dzok Chen" o estesamente "Dzokpa Chenpo", quasi sempre tradotto come "grande perfezione" e qualche volta come "grande completamento". La tradizione Nyingmapa si differenzia dagli altri lignaggi anche per una diversa ripartizione dei tantra e per differenze nei testi accettati nel Canone tibetano.

Il Dalai Lama ha definito lo Dzok Chen come "il pinnacolo dei nove veicoli", sia durante alcuni suoi insegnamenti pubblici sia in un suo libro

Kagyüpa
Statua di Milarepa, Pango Chorten, GyantseIl Kagyüpa (bKa'-brgyud-pa: "lignaggio della trasmissione orale") è disceso dalla linea di insegnamenti della "seconda diffusione" del Buddhismo in Tibet, che risale, considerando che si sta parlando del lignaggio breve (in quanto esiste anche un lignaggio lungo), al Buddha Vajradhara, Dorje Chang, che fu il lama radice del mahasidda indiano Tilopa (sono famose le sue parole: Io non ho avuto un guru umano, il mio guru è Vajradhara).

Tilopa ebbe come discepolo principale Naropa, che fu il supremo guru, insieme al mahasiddha Maitripa, del tibetano Marpa, il cui discepolo laico tibetano principale fu Milarepa, mahasiddha tibetano, noto aver più volte meditato sulle montagne himalayane anche in pieno inverno vestito solo di una leggera veste di cotone bianco; insegnava spesso tramite i "gur" (in tibetano) o "Doha" in sanskrito (in italiano canti mistici), in cui dava insegnamenti all'impronta. Milarepa avrebbe poi realizzato lo stato di Buddha in una sola esistenza e non in innumerevoli vite come secondo questa religione accadrebbe la maggior parte delle volte. A Milarepa è attribuito che di sé abbia detto: «In un solo corpo e in una sola vita... [realizzò la Buddità insorpassabile]». Mila Shepa Dorje ebbe principalmente due discepoli che dichiarò essere uno simile al Sole e uno simile alla Luna: il primo era Gampopa o Dagpo Lha Je, monaco e medico, un grande essere profetizzato dal Buddha stesso.

Monaco proveniente dalla tradizione Kadampa, Gampopa scelse come suo lama radice Milarepa, entrando così nel lignaggio Kagyu nel quale introdusse elementi di Lam Rim Kadampa e probabilmente anche la tradizione monastica. Il discepolo simile alla Luna fu un laico, un praticante che era diventato discepolo di Milarepa all'età di undici anni e il suo nome era Rechungpa o Rechung Dorje Drakpa. Di Gampopa fu discepolo, fra gli altri, Dü Sum Khyenpa (colui che conosce i tre tempi, passato, presente e futuro), il primo Karmapa.

Il lignaggio breve è quindi: lama Dorje Chang (guru Vajradhara), Tilopa, Naropa, Marpa, Milarepa, Gampopa e i Karmapa essi stessi profetizzati dal Buddha Shakyamuni in vari testi quale ad esempio il "Samadhirajasutra" e il "Lankavatarasutra; nel Mahaparinirvanasutra il Buddha profetizzò invece il grande guru di Uddiyana, guru Rinpoche. Insegnamenti fondamentali dei Kagyupa sono quelli riguardanti i "mezzi abili" come ad esempio i sei Yoga di Naropa e i sei Yoga di Niguma e la consapevolezza primordiale (Yeshe) della Mahamudra (in sanscrito), Chak Chen (in tibetano).

Kadampa
Il Kadampa (bKa'-gdams-pa: "lignaggio di quelli legati dal precetto") è un lignaggio della "seconda diffusione" del Buddhismo in Tibet, fondato da Butön (Bu ston) (1290-1364) sugli insegnamenti del suo maestro bengalese Atisha (anch'egli discepolo di Naropa); ebbe il ruolo di fondatore del lignaggio Kadampa. Basato sull'austerità monastica, rispetto delle regole monacali del Vinaya, e sullo studio della Prajñaparamita nel XV secolo, il lignaggio Kadampa fu riformato da lama Tsong Khapa prendendo vari nomi quali Ghedenpa e Ghelugpa (quest'ultimo è quello comunemente usato). Butön viene ricordato per aver colletto il Canone tibetano. Il discepolo principale di Atisha fu Drom Tonpa.

Shijepa
Lo Shijepa (Zhi-byed-pa) è un lignaggio diffuso in Tibet dal mahasiddha indiano Padampa Sangye (Pha-dam-pa Sangs-rgyas) nel XI secolo ed è particolarmente indirizzato alle tecniche di assorbimento ed eliminazione dei "demoni". Ma gCig fu l'esponente che maggiormente elaborò questa dottrina nel gCod [12].
 

Jonangpa
Il discepolo del kashmiro Candranatha, Dolpopa Sherab Gyaltsen (Shes-rab rgyal-mtshan) (1292-1361) fondò in Tibet il Lignaggio Jonangpa (Jo-nang-pa) che in realta' non era che il nome del Monastero nel quale Dolpopa Sherab Gyaltsen entro' a studiare. Il Monastero di Jonang era originariamente Sakyapa e Dolpopa lo trasformo' nella Sede principale del suo nuovo Lignaggio che appunto prese il nome di Jonangpa, quello del Monastero. Questo lignaggio oggi non e' estinto, ma quasi, esiste ancora in Tibet qualche importante Monastero di questo Lignaggio ma la sua importanza esiste in un altro modo, la sua influenza data dalla visione Shengtong si e' diffusa nelle altre Scuole, specialmente la Kagyupa e la Nyingmapa che hanno integrato quasi tutto della Visione Filosofica Shentong anche se esistono molte differenze importanti tra quelle attuali e quella originale di Dolpopa Sherab Gyaltsen. Gli insegnamenti che deteneva originariamente il Lignaggio Jonangpa sono conservati nelle Scuole Kagyu e Nyingma e parzialmente anche in quella Sakya (il grande e famoso Lama Shakya Chokden, contemporaneo del famosissimo Lama Gorampa, Sakyapa, accettava la Visione Shentong). È stato definito "un lignaggio eterodosso", ma secondo altre analisi fu un lignaggio pienamente attinente agli insegnamenti del Buddha (Sakyamuni); è stato inoltre supposto che tali insegnamenti furono talmente profondi da preoccupare grandi lama di altre tradizioni (praticamente Ghelugpa) poiché praticanti con capacità di comprensione inferiori o intermedie potevano rimanere confusi e arrivare a conclusioni devianti rispetto all'autentico insegnamento del Buddha.[citazione necessaria]

Questo lignaggio di insegnamenti giunse dall'India quando il Buddhismo si stava oramai estinguendo; si è detto che questo lignaggio sia stato oggetto di contaminazioni Shivaite ma, stando ai grandi lama detentori anche di tali insegnamenti, lama e Rinpoche Nyingmapa, Sakyapa e Kagyupa (in quest'ultimo caso si può nominare Khenchen Thrangu Rinpoche) non sarebbe corretto giudicarlo errato o contaminato da varie e altre visioni filosofiche non Buddhiste Shivaite o altre.[citazione necessaria]

Le ipotizzate influenze del "tardo" Yogacara o dello Shivaismo sono contestate in quanto sarebbero frutto di analisi compiute con mentalità occidentale ed accademica.

Gli insegnamenti centrali del lignaggio Jonangpa erano incentrati sul Kalachakratantra e imperniati sulla "Tathagatagarbha" (tradotta di frquente come "natura di Buddha"): effettivamente una traduzione centrata anche perché Tathagata è un altro titolo del Buddha. Secondo Thrangu Rinpoche, il Buddha Sakyamuni girò tre volte la ruota del Dharma e cioè diede tre cicli di insegnamenti: il primo si incentrava sulle "quattro nobili verità", cioè la verità dell'esistenza della sofferenza, dato comune e riscontrabile dall'esperienza di chiunque, niente di metafisico; la seconda nobile verità spiegava l'origine della sofferenza, la terza la cessazione della sofferenza e la quarta la via per ottenere la cessazione della sofferenza, il Nirvana Hinayana (niente di metafisico).

Questo primo ciclo di insegnamenti era diretto a coloro che erano capaci di riconoscere la sofferenza inerente al Samsara e che di conseguenza avevano sviluppato il forte desiderio di liberarsene: questi erano individui dotati della cosiddetta "motivazione intermedia", mirando cioè non ad ottenere rinascite fortunate e ad accontentarsene, ma a praticare il Dharma allo scopo di ottenere la liberazione individuale dal Samsara senza fine e questo si definisce "Nirvana Hinayana".

Per eliminare il rischio che i praticanti concepissero tuttavia una esistenza intrinseca, vera riguardo i fenomeni e il Samsara stesso, il Buddha diede un secondo ciclo di insegnamenti incentrati sulla Prajnaparamita [13] che esplicava chiaramente la vacuità profonda di tutti gli "elementi o aspetti dell'esistenza" compreso il Nirvana. Tutti gli elementi presi in considerazione, anche venendo considerati in numero di 108, possono essere classificati in due categorie: la persona ed i fenomeni, e quindi vacuità della persona (Pudgalanairatmya) e vacuità dei fenomeni (Dharmanairatmya).

In seguito il Buddha diede il terzo ciclo di insegnamenti incentrati sulla Tathagatagarbha, la natura di Buddha, spiegando in tal modo che sebbene ogni fenomeno senza eccezione fosse vuoto di esistenza inerente, era comunque la natura vuota e luminosa della mente la base per la manifestazione di ogni fenomeno di Samsara e Nirvana. Era inoltre la base per ogni possibile sviluppo: dalla condizione di ignoranza della condizione del Samsara, allo stato risvegliato e reso privo di oscurazioni e difetti (proprio di un Buddha). Proseguiva la spiegazione rivelando che ogni essere senziente senza alcuna eccezione è dotato di questa natura di Buddha, "Tathagatagarbha", compreso il più piccolo e insignificante insetto come di qualsiasi altro essere non umano compresi quelli rinati come spiriti malevoli e demoni (in tibetano: "Don" e "Dre").

Il terzo giro della ruota del Dharma, riguardante principalmente la Tathagatagarbha, era diretto a eliminare il rischio che i praticanti cadessero nell'estremo del nichilismo con l'avere come pratica principale la negazione (anche se riguardante l'esistenza intrinseca); comunque la vacuità non fu mai negata o posta in secondo piano, essa era meditata come inerente anche alla Tathagatagarbha. Con il terzo giro della ruota del Dharma, con il quale fu mostrata in modo chiaro e preciso la natura insieme vuota e chiara/luminosa della mente quale Tathagatagarbha, con questo ciclo di insegnamenti si stabilì un ponte concettuale tra il Sutrayana e il Vajrayana.

Sakyapa
Il Sakyapa (Sa-skya-pa: "lignaggio di Sakya") ed i Ghelugpa sono i soli lignaggi che non rivendicano un fondatore di origine indiana ma tibetana, anche se questa affermazione[14] è contestata in quanto i Ghelugpa sono sorti tramite l'attività risvegliata di Je Tsong Khapa, il quale ha fatto "nascere" il lignaggio Ghelugpa riformando il lignaggio Kadampa originato dal grande guru e Mahapandita ("grande erudito") Atisha [15] e dal suo discepolo principale Drom Tönpa (tibetano). Per quanto riguarda i Sakyapa, hanno avuto come origine dal mahasiddha Virupa uno dei famosissimi 84 mahasiddha dell'India antica [16]. Il nome di questo lignaggio deriva dal suo monastero più importante, fondato a Sakya (Sa-skya, "terra grigia") nella provincia di Shigatse da Khön Köchong Gyalpo (Khon dkon-mchong rgyal-po) nel 1073.

A Sakya, nei primi secoli, si produsse un ampio lavoro di traduzione ed esegesi dei testi sanscriti, propedeutici all'opera canonica di Butön.

Nel XIII secolo l'abate 'Phags-pa Iniziò Kublai Khan, allo Hevajra Tantra, diventandone il Lama radice, principale, con il titolo cinese di Dishi ("precettore imperiale") ed ottenendo per i Sakyapa il controllo politico di tutto il Tibet, oltre che la preminenza religiosa in tutti i domini mongoli, ma senza per questo limitare la libertà religiosa di tutte le altre tradizioni.

Con la caduta della dinastia Yuan in Cina anche il potere politico dei Sakyapa in Tibet venne meno.

Dottrinariamente i Sakyapa sostengono che la luce sia un attributo della mente e non la sua essenza, come ritengono i Gelugpa.

Ghelugpa
Statua di Tsongkhapa, fondatore della Setta Ghelugpa sull'altare nel suo tempio nel Monastero Kumbum vicino a Xining, Qinghai (Amdo), CinaI Ghelugpa (dGe-lugs-pa: "virtuosi"), noti anche con il nome di "Berretti Gialli", sono il lignaggio più diffuso e più potente del Tibet. A Lhasa nel Potala ha sede il Dalai Lama, ritenuto dai Ghelugpa un Tülku, emanazione, del Bodhisattva Chenresig, mentre nel monastero Ghelugpa di Tashilunpo a Shigatse ha sede il Panchen Lama, Tülku del Buddha Amithaba.

Il fondatore, lama Tsongkhapa, nel XIV secolo fu discepolo dei lignaggi Sakyapa, Kagyüpa e Kadampa e fu in quest'ultimo lignaggio che si fece propulsore di una riforma della disciplina monastica che portò alla formazione del lignaggio Ghelugpa.

Il lavoro principale di Tsongkhapa è il Lam-rim chen-mo ("Il grande sentiero graduale") è basata sugli insegnamenti di Atisha.

Peculiare dei Ghelugpa è l'importanza data alla logica ed al dibattito riguardante i soggetti studiati e memorizzati riguardanti ogni campo della conoscenza del Dharma dell'intero Tripitaka di tutti i sutra e di tutti i tantra. Parte delle attività giornaliere dei monaci Ghelugpa sono dibattiti filosofici sulle materie apprese ed una perfetta tenuta etica unita a una attività costante di meditazione
http://it.wikipedia.org/wiki/Buddhismo_tibetano

 

La bandiera Buddhista - Credit Photo  www.buddhismo.it

 

 

Breve storia del Buddhismo

Il Buddha, il cui nome era Siddharta Gautama, visse nell'India del Nord nel VI sec. a.C. Il Buddha nacque, durante il viaggio che doveva portare la regina Maya, moglie del capo del clan degli Sakya, il nobile guerriero Suddhodana, a partorire il primo figlio nella casa paterna, secondo la tradizione del tempo.

http://www.buddhismo.it/buddismo/storia.htm

 

 

I principi Buddhisti fondamentali

Dopo aver raggiunto l'Illuminazione il Buddha impartì numerosi insegnamenti, in accordo alle predisposizioni dei suoi vari discepoli, con l'unico scopo di individuare la via più adatta per ognuno per raggiungere l'Illuminazione.

http://www.buddhismo.it/buddismo/principi.htm

 

 

Festività Buddhiste

Le festività buddhiste sono numerose e si differenziano tra le varie scuole e tradizioni. Tutti i centri aderenti all’UBI (insieme anche ad altri centri buddhisti italiani) celebrano però insieme la festa del Vesak, che ricorda 3 momenti fondamentali della vita del Buddha: nascita, illuminazione e morte. Tale festa è convenzionalmente festeggiata l’ultimo fine settimana di maggio, ed è l’unica festività buddhista ufficialmente riconosciuta anche dallo Stato italiano nel testo dell’Intesa..

http://www.buddhismo.it/buddismo/feste.htm

 

 

La Filosofia Buddhista e le 4 nobili verità

Il problema principale che si incontra nello studio delle filosofie indiane (lo abbiamo già detto altre volte, ma è importate ripeterlo) è l'enorme difficoltà nell'accertare cosa abbia veramente detto il maestro originale e quali siano invece le interpretazioni dei suoi seguaci e discendenti. Il Buddhismo non è un'eccezione. Ciò è abbastanza comprensibile se si pensa che i tempi del Buddha sono trascorsi da circa 2500 anni. Perciò cercheremo di parlare del Buddhismo presentandovi la versione dei Buddhisti storici.

http://spazioinwind.libero.it/popoli_antichi/Religioni/Buddismo/dottrina.html

 

 

Approfondimenti :

 

Sito ufficiale del Dalai Lama

Si tratta del sito ufficiale del Dalai, in lingua inglese.
http://www.dalailama.com/

 

 

UBI - Unione Buddhista Italiana

Ente Religioso riconosciuto con D.P.R. 3-1-1991. Associata all’Unione Buddhista Europea.
http://www.buddhismo.it/

 

Dharma del Tibet

Questa pagina vuole offrire, a quante più persone possibile, il frutto di oltre 30 anni di studio sul Dharma compiuti da Aldo Franzoni, che ringraziamo per la sua gentilezza e disponibilità a pubblicare online sul nostro sito il frutto dei suoi studi.

http://www.kunpen.it/Download_DharmaTibet.asp

 

Buddhismo

Ritrovare sè stessi e l'armonia con il mondo esterno, sono le principali formule del Buddismo, accompagnati da serenità e tranquillità mentale.

http://www.beliceweb.it/buddhismo/index.php

 

 

 

Historia del Budismo

La Storia del Buddhismo in lingua spagnola. Abbastanza comprensibile.

http://www.youtube.com/watch?v=Pyi_jA-wZ24

 
Tecnologia

Come Registrare in Automatico Tutte le Chiamate con Android - ACR

Se stai cercando una guida, per comprendere velocemente e facilmente, come registrare le chiamate che ricevi o che fai, allora troverai la soluzione in questo t


Come Gestire le Spese con lo Smartphone - Monefy

Applicazione molto utile per gestire al meglio le tue spese e la tua finanza personale.


Come Trovare Ristoranti nella Propria Zona e Risparmiare - TheFork

Interessante applicazione per Android e iOS che trova i ristoranti vicino alla propria posizione e fa risparmiare.


Come Trovare i Prodotti al Prezzo Migliore - PagoMeno

Un ottimo comparatore di prezzi per trovare i prodotti ad un prezzo migliore.


Come Rispondere in Diretta alle Domande dalle Storie di Instagram

Se stai cercando un tutorial, per comprendere in modo semplice e veloce, come rispondere alle domande dopo aver utilizzato un Adesivo con Domanda, questa guida


Come Caricare un video su IGTV dal Web o da Instagram.com

Se stai cercando una guida, per comprendere velocemente e facilmente, come si pubblica un video su IGTV di Instagram, allora potrai trovare la soluzione in ques


Come Caricare un video su Instagram IGTV da App Instagram o da IGTV

Se stai cercando una guida, per comprendere velocemente e facilmente, come si pubblica un video su IGTV di Instagram, allora potrai trovare la soluzione in ques


Come Funzionano gli Adesivi di Instagram - Adesivi con Sondaggio

Se cerchi una guida, per scoprire in modo semplice e veloce, come usare gli Adesivi di Instagram, questo tutorial pratico ti mostrerà come e cosa fare.


Come Funzionano gli Adesivi di Instagram - Adesivi con Musica

Se cerchi una guida, per scoprire in modo semplice e veloce, come usare gli Adesivi di Instagram, questo tutorial pratico ti mostrerà come e cosa fare.






Teletec Magazine - Clicca qui e leggi online gratis



 



 

(C) 2016 - Avviato il 12 Giugno del 2001

Release Ver. 5b del 25/08/2010  Ore 11.11

Release Ver. 5c del 27/03/2015  Ore 11.11

 

(Publicazione 05.21 ora italiana) -   Privacy, Cookies e Disclaimer

 

Per contattarci : Info[@]beliceweb.it

 

BeliceWeb.it -  Tutto su BeliceWeb.it  -  Garantisce questo servizio Rosario Sancetta

Link amici   Teletec.it - Pcguida.com - Menphis75.com - Freeonline

 

^_Torna Su_^