Home Page - Mappa Articoli - Informazioni - Feed RSS

 





Categorie

Home Page

Affari e Finanza
Ambiente
Animali
Arte e Cultura
Auto e Moto

Avventure Testuali
Benessere

Biografie
Casa e Giardino
Computer

Curiosità
Giochi e Passatempi

Inglese
Internet

Istruzione
Mangiare e Bere

Mistero
Musica

Prodotti Naturali

Salute

Scienza e Tecnologia
Sport

Storia

Telefonia

Trucchi
Viaggi

 


 
Giovedì, 17 Giugno 2010  Stampa |
Translate :EN  -  FR  -  DE  -  SP

      

Titanic: La vera storia del Titanic tra realtà e leggenda

               

Titanic : La più completa ricerca del Web

        

Ecco a voi il Titanic. Dalla sua costruzione nei cantieri navali, fino al suo primo viaggio inaugurale. Cosa successe veramente in quella notte infernale?  Ricostruiremo tutta la storia stando attenti sopratutto ai particolari, ma dando uno sguardo anche alle leggende che girano intorno al translatantiico più famoso del mondo. Ma non è tutto: curosità, immagini, video e molto altro ancora in questo appassionante viaggio alla scoperta del Titanic. Mettevi comodi amici, il viaggio è appena iniziato, Benvenuti su BeliceWeb.it e Buona Lettura!

 

Fonte : Web

 

La nascita del Titanic

Il transatlantico più grande, lussoso e maestoso di tutti i tempi, quello che solo con il suo nome osò sfidare Dio in persona. Non ha caso un marinaio quando una ricca passeggera salì sul translatantico esclamò vedendola preoccupata per la stazza della nave:

<< Stia tranquilla signora, nemmeno la mano di Dio può affondare il Titanic >>.

 

 

Il nome trae le sue origini dai Titani. Questi erano dei giganti fortissimi figli degli dei. I titani erano figure della mitologia greca ed originariamente erano i 14 forti e valorosi giganti che in coppia erano padroni di ogni giorno della settiamana. Ogni giorno rispecchiava le potenze planetarie.

Quindi il nome del Titanic era un evidente richiamo alla grandezza e alla potenza divina, una nave inaffondabile.

 


Il Titanic a Belfast, 2 aprile 1912.

Fonte Wikipedia

Ma iniziamo il nostro viaggio dall'inizio, dalla sua creazione nei cantieri di Belfast, Irlanda del Nord, capitale e città più popolosa dell'Ulster è secondo centro più abitato dell'isola dopo Dublino. Proprio da qui inizia il nostro fantastico viaggio nel passato.

 

All'epoca del Titanic il porto di Belfast era il più attivo porto del mondo, ma non era così grande da potere ospitare navi grandi come il Titanic, quindi prima di dare il via alla crezione del translatantico furono apportate delle grosse modifiche al porto e al cantiere navale. Modifiche che trasformarono completamente e artificilamente la baia di Belfast, affichè il cantiere navale Harland and Wolff potesse operare nella creazione del Titanic.

 

 

Harland and Wolff

Il cantiere navale fu fondato nel 1861 è diventò famoso in tutto il mondo, per aver costruito il Titanic. Più di 15.000 persone lavoravano nel cantiere portando benessere a tutta la città di Belfast. Molti erano gli operai che si trasferivano a Belfast per lavorare nel cantiere. La paga era molto buona, ma c'erano anche dei lati oscuri. Ad esempio gli operai avevano orari di lavoro davvero insostenibili e la mancanza di attrezzature adeguata produceva spesso incidenti e vittime sul lavoro. Il cantiere per iniziare il lavoro del Titanic, oltre a modificare totalmente la baia di Belfast creò una struttura di acciaio alta 60 metri. All'interno di essa veniva giorno dopo giorno costruito lo scafo del Titanic.

 

Già allora il Titanic fece le sue prime vittime.

Infatti molti operai persero la vita a causa di oggetti ed attrezzi che cadevano dai piani superiori colpendo talvolta chi stava ai piani bassi. Non c'erano caschi di protezione ed era facile che un bullone di un operaio a 60 metri di altezza potesse cadere e colpire qualcuno.

 

In questa immagine la stuttura alta 60 metri che servì a costruire il Titanic.

 

In questo cantiere venne costruita anche l'Olympic la nave gemella del Titanic e del Britannic. Tutte e tre le navi erano più o meno le stesse, avevano tutte e tre quasi le stesse dimensioni; l'unica differenza esteriore significativa era la metà anteriore della passeggiata del ponte A, che sul Titanic e sul Britannic era coperta aumentandone conseguentemente la stazza di circa mille tonnellate.

 

 

L'Olympic o RMS Olympic

L'Olympic fu la prima delle tre navi ad essere costruita è fu quella che diede vita alla "Classe Olympic" rinomata così dalla White Star Line.

Di tutte e 3 le navi fu l'una a non affondare.

Fu varata il 20 ottobre 1910, compì il suo viaggio inaugurale il 14 giugno 1911 al comando del capitano Edward Smith, lo stesso che avrebbe condotto il Titanic nel suo fatale viaggio.

 

 

Il Britannic o HMHS Britannic

Il nome iniziale doveva essere "Gigantic" perchè era poco più lungo del Titanic e molto più sicuro. Quando il Titanic affondò, il Britannic era ancora nel cantiere in fase di costruzione. Così decisero di cambiargli il nome per non continuare a fare adirare le divinità greche. Si chiamò così Britannic. Fu un grosso ospedale galleggiante, infatti poco dopo il varo, all'inizio della Prima Guerra Mondiale fu requisito dalla Royal Navy e convertito in nave ospedale esercitando compiti di soccorso tra il 1914 e il 1916; di qui il prefisso HMHS, sigla di His Majesty's Hospital Ship.

Fu varato il 26 febbraio 1914. Era lungo 275 metri e largo 28, aveva una stazza di 48.158 tonnellate.

Affondò il 21 novembre 1916 a causa di una mina navale tedesca al largo dell'isola di Kea, nel mar Egeo

 

 

White Star Line

La White Star Line è la compagnia navale inglese fondata a Liverpool nel 1845 da John Pilkington and Henry Wilson. Inzialmente la compagnia si occupava solo di trasporto merci, ma a fine 800, iniziò nel cantiere navale di Harland & Wolff , anche la costruzione di navi passeggere.

 

I tre Transatlantici erano stati ideati da Joseph Bruce Ismay, amministratore delegato della White Star Line e Lord James Pirrie, socio dei cantieri navali Harland & Wolff.

 

Una curiosità sulla White Star Line era il nome delle navi. Finivano tutte con le lettere IC

Le prime navi in assoluto create dalla WSL furono l'Oceanic, il Celtic, l'Atlantic e l'Adriatic che erano le navi più grandi del mondo. Successivamente seguirono i nomi Olympic, Titanic e Britannic.

La loro testardaggine di volere imperiare sui mari, di volere creare navi sempre più grosse e potenti, di volere sfidare a tutti i costi le leggi della fisica, le leggi del mare e le leggi del Divino, ebbero come conseguenza la morte di migliaia e migliaia di persone, tra operai, passeggeri e marinai.

 

 

Il Titanic o Rms Titanic dalla sua costruzione in poi

 

La nave era stata disegnata da William Pirrie, presidente della Harland and Wolff, e da Thomas Andrews capo del dipartimento di progettazione. Andrews disegnò il progetto della nave a mano e non fu fatto in semplice carta ma su tessuto. Ancora oggi se ne può apprezzare la bellezza e la precisione di Andrews anche nei dettagli. 

 

La costruzione del Titanic, fu finanziata dall'armatore americano John Pierpont Morgan con la sua società International Mercantile Marine Co. La data di inizio fu il 31 marzo 1909; lo scafo fu varato il 31 maggio 1911 e le sovrastrutture furono completate il 31 marzo del 1912.

Il transatlantico, costò circa di 7 milioni di dollari, ci lavorarono quasi 15.000 operai,  il biglietto di sola andata per New York, in prima classe, costava 3.100 dollari dell'epoca, quello di terza classe solo 32 dollari.

Il Titanic poteva ospitare 3.500 passeggeri  era lungo 269 metri e largo 28, aveva una stazza di 46.328 tonnellate e l'altezza del ponte sulla linea di galleggiamento era di 18 metri (53 metri l'altezza totale). Sebbene avesse la stessa lunghezza dell'Olympic, aveva un tonnellaggio lordo maggiore per via del maggiore spazio interno, dovuto principalmente alla chiusura di parte della passeggiata sul ponte "A" con finestre parzialmente apribili.

 

Il 31 maggio del 1911 alle ore 14.00 dopo aver effettuato gli ultimi controlli, finalmente il Titanic toccò l'acqua per la sua prima volta, anche se lo scafo non era ancora completo. Ci vollero 61 secondi per far scivolare lo scafo dal cantiere al fiume Lagan. Lo scafo veniva spostato tramite assi di legno che venivano via via rimossi durante lo spostamento. In questa operazione il Titanic portò con sè un'altra vittima. Un operaio infatti rimase bloccato in un'asse di legno e venne schiacciato dal possente scafo.

 

Successivamente (quasi 10 mesi dopo) lo scafo fu portato al bacino di carenaggio Thompson Dry Dock, un luogo colossale, grandissimo e l'unico che all'epoca potesse ospitare una nave dalle dimensioni così grandi, per iniziare gli altri lavori. Il bacino era lungo 260 metri e profondo 37 metri. Il Titanic occupava tutto lo spazio disponbile del bacino. Per la cronaca anche la costruzione di questo bacino fu un'impresa colossale. Si dovette eliminare il fango e sostituirlo con il cemento. In tutto ci vollero 7 anni per costruirlo, ed in perfetta coincidenza con la creazione del Titanic. Senza l'esistenza di questo bacino infatti non sarebbe stato possibile proseguire con il lavori per ultimare il Titanic.

 

Il 3 febbraio 1912 i rimorchiatori trainarono finalmente il Titanic dentro il bacino di carenaggio Thompson. Una volta che fu chiuso il bacino le pompe iniziarono a tirare l'acqua dal bacino per svuotarlo. Normalmente le pompe riuscivano a compiere questa operazione in meno di due ore, in quanto riuscivano a tirare più di 100 milioni di litri d'acqua. Per il Titanic ci vollero 12 ore a causa della sua lunghezza ed era importante che la nave si posasse perfettamente nella ghiglia, per evitare danni. Dopo 12 ore finalmente si potè iniziare ad installare gli impianti e i cavi elettrici dei sistemi di bordo, le gigantesche pale ed infine si procedette alla verniciatura dello scafo.

 

 

Finalmente nel marzo del 1912 il Titanic era stato completato. Adesso mancavano solo gli interni. Il palazzo galleggiante non doveva essere solo la nave più grande del mondo, ma anche la più lussuosa. Non si badò a spese per creare interni accoglienti e lussuosi. Sulla nave inoltre c'erano ambienti di relax come la palestra e le sale giochi. Furono chiamati gli artisti più bravi di Belfast per realizzare la meravigliosa struttura interna del Titanic.

Attenti nei minimi dettagli gli artisti crearono una vera e propria opera d'arte galleggiante. Ma non solo negli arredamenti, ma in tutto. Ad esempio anche piatti e posate dovevano avere il loro tocco artistico, così come i tavoli, le sedie e tutto il resto.

 

Viaggiare ad esempio in terza classe sul Titanic era come viaggiare in prima classe su una qualsiasi altra nave.

 

Numeri e Curiosità

Lunghezza : 269 metri

Larghezza : 28 metri

Stazza : 46.328 tonnellate

Altezza totale: 53 metri

 

Costo biglietto prima classe : 3.500 dollari

Costo biglietto terza classe : 32 dollari

 

Propulsione : La propulsione era a vapore con quattro cilindri contrapposti invertibili a triplice espansione (macchine alternative) più una turbina Parson a bassa pressione. Le macchine alternative del Titanic restano le più grandi mai costruite, occupavano quattro piani in altezza sviluppando 51.000 cavalli di potenza e muovevano le due eliche laterali. La turbina muoveva la sola elica centrale.

 

Caldaie : Le 29 caldaie erano talmente larghe che vi sarebbe potuto passare dentro un treno (avevano un diametro di 5 metri ciascuna) e divoravano circa 728 tonnellate di carbone al giorno.

 

Velocità : La velocità massima era di 23 nodi (43 km/h). Solamente tre delle quattro ciminiere erano funzionanti, la quarta aveva solo la funzione di presa d'aria e fu aggiunta per rendere la figura della nave più imponente; erano dipinte in giallo e nero, come voleva la tradizione della White Star line.

 

Gli interni (Estratto da wikipedia)
Il Titanic rappresentava un'innovazione anche nello sfarzo con la quale erano decorate le sale e le cabine. Le sale adibite ai passeggeri di prima classe erano disposte dal ponte aperto al ponte E. Gli interni principali erano i seguenti:

Il grande scalone di prima classe, un scala che collegava tutti i ponti riservati alla prima classe, dal ponte aperto al ponte E. Lo scalone era arredato in stile Luigi XVI, ed era sormontato al ponte aperto da una grande cupola in vetro e ferro battuto che illuminava l'intero ambiente. Il corrimano del pianerottolo del ponte A era decorato da una grande lampada bronzea raffigurante un cherubino. Sui pannelli dei pianerottoli di mezzo ponte erano situati grandi quadri. La grande scala sfociava al ponte D nella sala di reception, con un grande candeliere di 21 lampade. Sul retro della scala erano situati tre ascensori, decorati nello stesso stile. Un ambiente identico ma rivestito di pannelli di legno chiaro collegava i ponti A, B, e C, ed era utilizzato come sala di reception per i ristoranti del ponte B.


Il soggiorno, situato fra il secondo e il terzo fumaiolo. L'ambiente era stato ideato per i passeggeri che desiderassero trascorrere il tempo ascoltando la musica dell'orchestra. La sala era decorata da grandi pannelli in quercia in stile Luigi XV. Su un lato della sala era situato un piccolo camino in marmo, sulla quale poggiava una statuetta di Artemide. Al centro della sala un grande lampadario illuminava l'ambiente.

 

La sala di scrittura e di lettura, ideata per le signore, che qui si potevano riunire ad ogni ora del giorno. La sala era arredata in stile georgiano, ed era disposta in due ambienti separati da un grande arco sostenuto da colonne con capitelli corinzi.


La sala fumatori, situata tra il terzo e il quarto fumaiolo. Gli uomini potevano raggiungere la sala durante tutta la giornata, ma soprattutto dopo cena. Era arredata in stile Georgiano, con grandi pannelli in legno scuro. A decorare la sala vi erano anche grandi vetrate ornamentali, illuminate artificialmente. Le finestre che davano sul ponte di passeggiata erano decorate con scene di porti di tutto il mondo.

Il ristorante "A la carte", un ambiente esclusivo situato sul ponte B, decorato in stile Georgiano. Qui i passeggeri potevano recarsi ad ogni ora, ed ordinare qualsiasi tipo di piatto. Il dirigente di questo ristorante era l'Italiano Gaspare Pietro Antonio Luigi Gatti.


Il caffè Parigino, dove si poteva gustare lo stesso menù del ristorante adiacente. L'ambiente era ideato per assomigliare a una tipica passeggiata parigina, completa di piante rampicanti e mobili in vimini.


La sala di reception, situata sul ponte D, decorata in stile seicentesco, con grandi pannelli laccati bianchi e finestre impreziosite da decorazioni in ferro battuto. Poltrone, sedie, divani e tavolini erano in vimini con rivestimenti bordeaux. In un angolo della sala era collocato un grande piano a coda. Prima di cenare i passeggeri potevano prendere un aperitivo e ascoltare la musica dell'orchestra.


La grande sala da pranzo, dove i passeggeri si recavano per cena. Poteva ospitare circa 500 persone ed era arredata come la sala di reception. La sala era illuminata grazie a moltissime plafoniere. Le sedie del salone erano rivestite in pelle verde scuro.


Le cabine di prima classe erano le più eleganti di ogni transatlantico. Erano arredate in vari stili , come Reggenza, Olandese moderno, Olandese Antico, Impero, Luigi XV, Luigi XVI, Regina Anna, Georgiano e Rinascimento Italiano. Per i passeggeri più abbienti erano disponibili le suites : 2 presidential suites e 2 royal suites.

 

Le royal suites (b56-b54) erano decorate in stile Luigi XVI e comprendevano un soggiorno, tre camere da letto (2 singole e 1 matrimoniale), due bagni privati, due guardaroba e un ponte di passeggiata privata.
 

Ed ecco un viaggio virtuale dentro il Titanic. Dall'esterno verso l'interno.

 

 

Titanic - A Virtual Tour Ship Simulator 2008 (SS2008)

http://www.youtube.com/watch?v=zEpQmpg5-Iw

 

 

Inside Titanic - Dentro il Titanic

http://www.youtube.com/watch?v=vLfJfAGxAWI

 

 

 

L'inizio della Fine

  

Edward John Smith           Thomas Andrews

 

10 aprile 1912 - Ci troviamo a Southampton (Regno Unito) e tutto è pronto per la partenza della grande nave. La sua destinazione è New York. Il comandante è il capitano Edward John Smith (Hanley, 27 gennaio 1850 – Oceano Atlantico, 15 aprile 1912). Questo era l'ultimo viaggio del comandante Smith, dopo sarebbe andato in pensione con una carriera brillante ed onorata, durata 40 anni.

 

A bordo anche l'ingegnere Thomas Andrews (Comber, 7 febbraio 1873 – Oceano Atlantico, 15 aprile 1912) con i 9 operai scelti. I 9 operai scelti erano una sorta di garanzia, che si imbarcavano nei viaggi inaugurali delle navi. Era un onore venire scelti per questo scopo.Andrews perse la vita nel naufragio.

 

Sulla nave inoltre le figure più ricche e potenti dell'epoca.  Tra questi vi era il milionario John Jacob Astor IV, il più famoso dei passeggeri del Titanic: un uomo immensamente ricco, proprietario di alcuni dei più preziosi immobili del mondo, tra cui il noto Waldorf-Astoria Hotel di New York. Insieme a lui viaggiava la moglie Madeleine Force Astor, l'industriale Benjamin Guggenheim, Isidor Straus e la moglie Ida, la milionaria di Denver Margaret "Molly" Brown, Sir Cosmo Duff-Gordon e sua moglie, la contessa Lady Lucille Duff-Gordon, George Elkins Widener e la moglie Eleonora, John Borland Thayer, sua moglie Marian e il figlio diciassettenne Jack, il giornalista William Thomas Stead, la contessa di Rothes; il consigliere presidenziale statunitense Archibald Butt, lo scrittore Helen Churchill Candee, lo scrittore Jacques Futrelle, la moglie e alcuni amici, i produttori di Broadway Henry e Irene Harris, l'attrice di film muti Dorothy Gibson e molti altri.

In prima classe viaggiava anche l'amministratore delegato della White Star Line, Joseph Bruce Ismay, che ebbe l'idea di costruire la nave e ne scelse il nome. Ismay riusci a trovare posto su una delle scialuppe.
 

 

La prima leggenda

Si narra che un marinaio vide dei topi abbandondare la nave prima della partenza. Questo è un segno molto nefasto, in quanto gli animali prevedono le catastrofi prima che avvengano. Ma questa potrebbe essere solo una storia inventata per dar forza al mito del Titanic.

 

Invece non fu una storia inventata la partenza della nave che appena iniziò a muoversi risucchiò una piccola nave (la New York) nelle vicinanze, la quale ruppe i propri ormeggi ed entrò in rotta di collisione con il gigante. L'incidente non avvenne per un pelo. Tutto si fermò e si ritardò la partenza del gigante di un'ora. Dopo un'ora il Titanic finalmente potè partire.

 

Il fatto che la nave era considerata inaffondabile aveva creato molta sicurezza tra i membri dell'equipaggio che in un certo senso si trasformò in negligenza,  verso il lavoro da svolgere. Ad esempio si dice che furono dimenticati alcuni binocoli, che non tutte le misure di sicurezza erano state provate dall'equipaggio e che non erano stati fatti i test in caso di affondamento, in quanto proprio per il Titanic fare tutto questo era solo una grossa perdita di tempo.

 

 

Le varie tappe del Titanic

 

10 Aprile 1912 - Mercoledì

Il Titanic parte da Southampton alla volta di Cherbourg in Francia dove arriverà alle 18.30 (ora locale).

Sosterà qui con tutte le luci accese per circa 90 minuti. Qui verranno imbarcati altri passeggeri, merci e bagagli. Verranno portati al bordo del Titanic impiegando delle navi ausiliarie, perchè il porto di Cherbourg non è in grado di ospitare una nave di quella stazza.

 

11 Aprile 1912 - Giovedì

Fa scalo a Queenstown (oggi Cobh) in Irlanda, dove carica numerosi emigranti irlandesi e molti sacchi postali.

Da qui mise la prua verso il mare aperto dopo circa due ore di sosta.

 

La nave salpa alle 13.30, tutte le caldaie vengono progressivamente accese: Il Titanic è obbligato a viaggiare alla sua massima velocità per una questione di prestigio.

 

La distanza percorsa viene costantemente monitorata e affissa nella bacheca della sala fumatori mentre le lancette degli orologi di bordo vengono spostate all'indietro, seguendo lo spostamento della longitudine.

 

12 e 13 Aprile 1912 - Venerdì e Sabato

Fino a mezzogiorno il Titanic ha percorso 464 miglia marine e la navigazione continua tranquillamente fino a raggiungere la sua massima velocità (23 nodi).

 

14 Aprile 1912 - Domenica

Il Titanic prosegue per la sua rotta seguendo l'Ourward Southern Track, un "corridoio" concordato e seguito dalle navi di linea in questa stagione: Infatti nelle vicinanze incrociano quasi altre 30 navi. Fin dal primo mattino i piroscafi si scambiano messaggi che segnalano la presenza di innumerevoli iceberg. Il comandante Smith e l'equipaggio del Titanic non sembrano preoccuparsene. La nave è inaffondabile, si viaggia alla massima velocità e tutto procede come previsto. Alle ore 21.20 il capitano si ritira per la notte dicendo all'ufficiale di guardia : << Se vedete qualcosa di strano avvisatemi >>.

 

14 Aprile 1912 - Domenica Sera

E' una notte senza luna, freddissima, c'è solo una leggera nebbia ed il mare è piatto : nessuna increspatura che possa rilevare a distanza la presenza di masse di ghiaccio. Tutto continua a procedere per il verso giusto, ma alle 23.40 le vedette lanciano l'allarme.

 

"Iceberg a Prua!!! Iceberg a Prua!!!"

 

Il primo ufficiale Murdoch ordina al timoniere : "Indietro tutta, barra a dritta!!!"

La nave inizia a virare leggermente, ma l'ostacolo è appena a 450 metri. Il timone del Titanic tarda a far spostare la rotta perchè risulterà essere più piccolo rispetto al gigante. In pratica il timone non era completamente idoneo. Sono istanti terribili, ma c'è poco da fare.

 

Il Titanic entra in rotta di collisione con l'iceberg  e per circa 10 secondi la lama di ghiaccio sommersa striscia sulla fiancata:  Una serie di falle si aprono sullo scafo per circa 90 metri. Alcuni passeggeri dormono, altri vengono svegliati. Viene chiamato immediatamente il capitano Smith e l'ingegnere Andrews per la verifica dei danni. 10 minuti dopo la collissione nei comportimenti a tenuta stagna l'acqua ha raggiunto i 4 metri ed il quinto compartimento ha iniziato ad allagarsi. Questo è il compartimento decisivo per l'affondamento del Titanic.

 

Andrews analizza la situazione e nessuno si aspetta quelle tragiche parole, quasi surreali, che da li a poco pronuncerà :

<< Il Titanic affonderà! >>. 

Parole che non hanno senso i primi istanti e tutti con lo sguardo incredulo fissarono Andrews. Nessuno ci voleva credere.

 

Smith disse incredulo : << Ne è sicuro? >>.

 

<< Si. Il Titanic affonderà >>, disse Andrews.

 

Titanic : Simulazione Collisione ed Affondamento

http://www.youtube.com/watch?v=G8ey_RBdxYM

 

 

15 Aprile 1912 - Lunedì mattino ore 00.15

Il Titanic lancia la richiesta d'aiuto: Il CQD (come quick danger, venite presto, pericolo) e poi l'SOS da poco introdotto. Il segnale verrà ricevuto da diverse navi, ma non dal vicinissimo Californian, il cui unico telegrafista se ne era andato a dormire e dalla Terranova.

I telegrafisti trasmettono anche il punto nave, ma che però è scorretto.

 

15 Aprile 1912 - Lunedì mattino ore 00.25

Il capitano Smith dà ordine di mettere in salvo anzitutto donne e bambini. Comincia una notte di terrore, di eroismi e di vigliaccherie. Quando il Carpathia, la prima nave ad accorrere, arriverà sul posto, non troverà nelle scialuppe che 705 delle oltre 2.200 persone imbarcate.

 

15 Aprile 1912 - Lunedì mattino ore 02.20

Si spengono le luci. Il Titanic si spezza in due tronconi ed affonda di prua. All'estremo sulla poppa, fra centinaia di persone terrorizzate, l'orchestrina intona "Nearer my God to Thee", più vicino a Te, o Dio.

 

Nearer my God to Thee

http://www.youtube.com/watch?v=9vz4xHW8_6k

 

 

La nave affonda con incredibile velocità, come se si trattasse realmente della mano di Dio e di una punizione all'uomo per aver voluto sfidare la sua Divina ed immensa forza.

 

 

Il Titanic dal passato ai giorni nostri

 

 

NOAA Titanic Expedition 2004: Breathtaking Wreck Footage

http://www.youtube.com/watch?v=6Z7REEnwKOQ

 

 

Los Secretos del Titanic (Parte 6 de 6)

http://www.youtube.com/watch?v=pq1nu5eTpCk

 

 

 

Curiosità varie sul Titanic

 

Jack Dawson è esistito realmente ?

Jack Dawson il protagonista del Titanic (Interpretato da Di Caprio) non è realmente esistito in questo contesto.

Non risultano documenti o passeggeri con il nome di Jack Dawson, ma comunque in maniera parallela è legato alla storia. Era infatti il guardiano del cimitero dove furono sepolti i corpi dei passeggeri ritrovati dopo la sciagura.
Cimitero in cui lo stesso Dawson venne sepolto dopo la sua morte.

http://www.beliceweb.it/curiosita/?art=Jack Dawson.htm

 

 

Titanic Museum Exhibition

http://www.youtube.com/watch?v=rv9Q0uJVWcc

 

 

Italiana superstite nella tragedia del Titanic

L'unica superstite del naufragio sul transatlantico Titanic è la signora Del Carlo Salvata, che viene intervistata assieme al Sindaco del comune di Altopascio Maurizio Marchetti, il giornalista Domenico Tani e il V.Comandante Domenico Gatto.

 

http://www.youtube.com/watch?v=CV5mXRdxtQ8

 

 

I misteri che avvolgono il Titanic : Estratto da Wikipedia

Molti sono i misteri che tutt'oggi avvolgono la vicenda del Titanic.

 

Il mistero del Californian
Un evento che per molti anni restò avvolto nel mistero fu la presenza di una nave all'orizzonte, le cui luci furono viste in lontananza da molti testimoni. Gli ufficiali Boxhall e Rowe tentarono di inviare segnali dapprima col faro, quindi coi razzi bianchi di segnalazione, senza però ottenere alcuna risposta; si trattava del Californian, che in quel momento sostava a macchine ferme per timore dei ghiacci.

Quando il marconista del Californian tentò di avvisare il collega del Titanic della presenza di grossi banchi di iceberg, dal Titanic risposero di non occupare la linea necessaria per l'invio dei messaggi personali dei passeggeri. Il marconista del Californian andò a dormire intorno alle 22,40, e dunque, alle 23,40, al momento dell'impatto del Titanic con l'iceberg, nessuno potè sentire i messaggi di aiuto dal Titanic. Particolarmente suggestiva fu la descrizione che il secondo ufficiale Stone del Californian diede dell'accaduto, quando affermò di aver visto un razzo bianco levarsi dalle luci di piroscafo. Il capitano Stanley Lord fu informato dello sparo dei razzi, ma si limitò a ordinare le segnalazioni con la lampada morse, senza riuscire a stabilire alcun contatto.

Per molti anni dopo la tragedia, il capitano del Californian Stanley Lord fu accusato e ritenuto responsabile del mancato soccorso al Titanic, ma dopo il ritrovamento del relitto, e gli studi compiuti, si appurò che la posizione del Titanic era diversa da quella data nei messaggi di aiuto, e probabilmente un'altra imbarcazione si trovava tra il Titanic ed il Californian.

Le scialuppe insufficienti
Carlisle, che disegnò il Titanic, disse che "A meno che il Board of Trade e i governi non costringano a installare un numero sufficiente di scialuppe, nessun costruttore può permettersi tanto peso inutile" [46]. Al riguardo, le previsioni di legge obbligavano a installare un minimo di 16 scialuppe sulle navi eccedenti le 10.000 tonnellate; una legge che andava bene nel suo anno di emissione, quel 1894 in cui la nave più grande era il Lucania (13.000 tonnellate). È logico che il Titanic, nonostante superasse le 40.000 tonnellate, fosse perfettamente in regola con la legge dell'epoca: aveva 16 scialuppe che però potevano portare al massimo metà dei suoi passeggeri. Anzi, la White Star andò oltre la legge, aggiungendo quattro zattere smontabili. È però evidente che la capacità teorica di 1178 persone fosse ben lontana dalla reale portata del Titanic (3547 persone).

All'epoca della costruzione, la fine di questa dottrina era nettamente percepita nell'ambiente. Il costruttore fece installare argani doppi, portando quindi la teorica capacità a 64 scialuppe: ma le scialuppe aggiuntive non furono mai installate.

Una forte critica venne dal senatore William Alden Smith, prosecutor nell'inchiesta del 1912, che scrisse:
"Le scialuppe del Titanic erano solo parzialmente riempite; tutte erano prive di bussole; solamente tre dotate di lampade. L'equipaggio era talmente inetto che, in assenza di un pronto recupero, le avrebbe distrutte contro i frammenti di ghiaccio [presenti in mare]. Un testimone giura di aver udito da due o tre steward che era la prima volta che prendevano in mano un remo, tanto che ignoravano a cosa servissero gli scalmi. Le scialuppe furono riempite con tanta indifferenza, e abbassate con tanta velocità, da sacrificare inutilmente 500 persone in nome della ordinata disciplina del caricamento, secondo ogni prova non contraddittoria. 1324 persone rimasero a bordo. C'erano 1176 posti disponibili nelle scialuppe, ma esse contenevano solo 704 persone, 12 delle quali furono ripescate dal mare, in condizioni climatiche favorevoli e acqua perfettamente calma. Eppure qualche bel soggetto ancora afferma che prevalse la migliore disciplina. Se questa è la disciplina, cosa sarebbe stato il disordine?"

Il timone e "la capacità di virata"
Il Titanic paragonato alla Queen Mary 2 e ad altri tipi di mezzi di trasporto.Nonostante le dimensioni del timone del Titanic non fossero inferiori a quelle prescritte dalle norme, per una nave di quelle dimensioni non erano comunque ottimali. Secondo i ricercatori della Titanic Historical Society: «il timone lungo e stretto del Titanic era una copia di una nave del XVIII secolo. Confrontato con il timone del Mauretania o del Lusitania, il timone del Titanic era più piccolo. Apparentemente nessuna miglioria progettuale fu intrapresa per dare ad una nave lunga 270 metri la possibilità di virare rapidamente ed evitare la collisione con un iceberg. Questo era il suo tallone d'Achille».

Un altro elemento fatale del Titanic era il sistema di propulsione a tripla elica (contro le quattro del Mauretania e del Lusitania), in cui i due motori a vapore alternativi, a tripla espansione e a direzione invertibile, facevano andare le due eliche laterali, mentre l'elica centrale era azionata da una turbina a vapore, e quest'ultima non era invertibile. Di conseguenza, quando l'ufficiale Murdoch ordinò di invertire i motori per cercare di evitare l'iceberg, egli involontariamente limitò anche la capacità di virare della nave. Infatti durante il funzionamento a indietro tutta la turbina a vapore, che non era invertibile, semplicemente si fermò, e poiché l'elica ad essa collegata era proprio davanti al timone, l'efficacia di quest'ultimo fu molto ridotta.

Il tipo di acciaio e i bulloni
L'iceberg deformò le lamiere consentendo l'ingresso dell'acqua tra le chiodature.Originariamente gli storici pensavano che l'iceberg avesse praticato un taglio nella fiancata. Lo studio del relitto ritrovato ha permesso di esaminare a fondo l'accaduto. Poiché la parte danneggiata era sepolta, gli scienziati hanno utilizzato un sonar per esaminarla. Ciò che è stato scoperto è che le lamiere della fiancata non si sono in realtà "piegate", ma piuttosto si sono crepate, creando delle spaccature in corrispondenza delle loro giunture rivettate, lasciando entrare acqua attraverso 6 diverse falle.
Nelle immersioni successive si raccolsero campioni di fiancata. L'acciaio recuperato mostra un alto contenuto di fosforo e zolfo (rispettivamente quattro volte e due volte maggiore degli acciai moderni); il rapporto manganese/zolfo era 6,8:1 (attualmente è più di 200 a 1). Il fosforo in alte quantità rende l'acciaio prono a fratture; lo zolfo crea grani di solfuro di ferro, che agevolano la propagazione delle fratture stesse; il ridotto contenuto di manganese rende l'acciaio meno duttile. Tutto questo, unito alle temperature gelide dell'Atlantico, rese lo scafo estremamente fragile e contribui in maniera decisiva al rapido affondamento.

Studi successivi nel 1998 e nel 2006, hanno avanzato l'ipotesi della presenza di bulloni difettosi sulla fiancata del Titanic, che avrebbero favorito l'apertura delle falle sullo scafo.
 

Il romanzo-profezia del 1898
Nel 1898, quattordici anni prima della tragedia, uscì un romanzo dal titolo Futility, or the Wreck of the Titan. L'autore Morgan Robertson scrisse nel libro la storia di un transatlantico, il Titan, considerato inaffondabile, che finisce in rotta di collisione con un iceberg nel Nord Atlantico ed affonda in poche ore nottetempo nel mese di aprile. Molti dei dettagli relativi alla nave ed alla tragedia appaiono simili alla tragedia che vide coinvolto il Titanic, ma molte sono le differenze.

 

Voyager Titanic

 

 

 

 

http://www.youtube.com/watch?v=dBG1SWZ63vM

 


 

 

 

 

 

 

Approfondimenti :

 

La vera storia del Titanic di BeliceWeb.it

Molto utile per trovare ricerche sul Titanic dedicate a preparare la propria Tesina.

http://www.beliceweb.it/mistero/?art=La%20vera%20storia%20del%20Titanic.htm

 

RMS Titanic

Il RMS Titanic era una nave passeggeri britannica della Olympic Class.

http://it.wikipedia.org/wiki/RMS_Titanic

 

RMS Olympic

L'RMS Olympic era la nave gemella del RMS Titanic e della HMHS Britannic.

 

Servizio gratuito di Newsletter

 

Ricevi il meglio di BeliceWeb.it per email.

Per un esempio della Newsletter clicca qui


Scrivi qui sotto la tua Email  

  

Tecnologia

Come Scaricare Velocemente le Immagini da una Pagina Web - Image Cyborg

Con il nostro tutorial, potrai scoprire in modo semplice, veloce, sicuro e pratico, Come Scaricare Immagini da una Pagina Web. Leggi subito come fare.


Come Vedere Video in Realtà Virtuale su YouTube

Se cerchi una guida, per comprendere facilmente e velocemente, Come Vedere Video in Realtà Virtuale su YouTube, questo tutorial, ti spiegherà come fare. Ecco co


Come Esplorare il Mondo in Prima Persona e in 3D - Google Street View

Ecco come esplorare le meraviglie della natura e i luoghi più interessanti del mondo grazie a Google Street View.


Come Esplorare le Città in 3D - 360 Cities

Spettacolare sito per visitare le città in 3D. Ecco come funziona.


Come Creare un Visore di Realtà Virtuale

Grazie al progetto Cardboard di Google puoi crearti anche tu un bellissimo visore di realtà virtuale. Ecco come fare.


Come Fare a Sapere Orari e Prezzi dei Treni

Se hai la necessità di trovare una guida per sapere gli orari di tutti i treni d'Italia e i realitivi prezzi del biglietto allora tutto quello che devi fare non


Come Vedere Netflix Gratis

Se vuoi goderti il meglio della Tv tramite Internet, allora ecco come avere gratis Netflix.


Come Scaricare Video da Rai TV

Con la nostra guida scarichi i video RAI sul tuo dispositivo in pochissimi minuti. Ecco come fare.


Come Vedere il Digitale Terrestre e il Satellite in Tutta la Casa senza Fili

Se hai la necessità di trovare una guida per vedere Sky e Mediaset in tutta la casa senza utilizzare fili e se vuoi sapere come fare per Vedere il Digitale Ter




Come Guadagnare con Google AdSense

 

100 Rimedi Naturali per il tuo Benessere

 

Teletec Magazine

 



 

(C) 2016 - Avviato il 12 Giugno del 2001

Release Ver. 5b del 25/08/2010  Ore 11.11

Release Ver. 5c del 27/03/2015  Ore 11.11

 

(Publicazione 05.21 ora italiana) -   Privacy, Cookies e Disclaimer

 

Per contattarci : Info[@]beliceweb.it

 

BeliceWeb.it -  Tutto su BeliceWeb.it  -  Garantisce questo servizio Rosario Sancetta

Link amici   Teletec.it - Pcguida.com - Menphis75.com - Freeonline

 

^_Torna Su_^